Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Cerimonia di premiazione della V edizione di “M’illumino d’immenso. Premio internazionale di Traduzione di poesia dall’italiano in spagnolo”

Venerdì 21 ottobre, ore 19:00

Nell’ambito della XXII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo (SLIM), l’Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico in collaborazione con l’Ambasciata di Svizzera in Messico è lieto di invitare alla cerimonia di Premiazione della V edizione di “M’illumino d’immenso. Premio Internazionale di Traduzione di Poesia dall’italiano allo spagnolo”. La cerimonia di premiazione sarà preceduta da un dialogo tra i poeti e traduttori Fabio Morábito, Elisa Díaz Castelo e Paula Abramo.

Lettori, poeti, aspiranti rimatori, amanti della poesia… vi aspettiamo venerdì 21 ottobre alle 19:00 presso l’auditorio dell’Istituto Italiano di Cultura.

“M’illumino d’immenso. Premio Internazionale di Traduzione di Poesia dall’italiano allo spagnolo” si propone di promuovere la traduzione e la diffusione sia della poesia italiana che della poesia italo-svizzera nei paesi di lingua spagnola. È organizzato dai poeti Vanni Bianconi (Svizzera) e Fabio Morábito (Messico), e da Barbara Bertoni (Italia), direttrice del Laboratorio Trādūxit, con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico e dell’Ambasciata di Svizzera in Messico, e con il patrocinio delle Biblioteche di Roma.

La giuria internazionale, composta da poeti e traduttori di grande prestigio, ha ricevuto proposte di traduzione da concorrenti di 17 paesi diversi (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Francia, Guatemala, Italia, Messico, Nicaragua, Perù, Spagna, Svizzera, Uruguay, USA e Venezuela). Tra i 149 concorrenti, che in questa occasione hanno dovuto tradurre le poesie “Ci fosse stato il tempo” del poeta italiano Franco Marcoaldi e “Di notte, nel bosco” della poetessa svizzera italiana Donata Berra, il premio è stato attribuito a Isabel Teresa García Casalta (Venezuela).

Per consultare il verbale della giuria, clicca sul link seguente: Verbale della giuria

La vincitrice si aggiudica 500 euro, una settimana di alloggio presso La Casa delle Traduzioni offerta da Biblioteche di Roma, un abbonamento annuale a Ametli (Associazione Messicana dei Traduttori Letterari) e la pubblicazione delle sue traduzioni su riviste letterarie italiane, messicane, svizzere e spagnole.

I poeti invitati al dialogo su poesia e traduzione:

Fabio Morábito (Alessandria, Egitto)

Ha trascorso l’infanzia a Milano e all’età di quindici anni si è trasferito in Messico, dove vive. Nonostante la sua lingua materna sia l’italiano, scrive in spagnolo. È autore di diversi libri di poesia, racconti, saggi e di due romanzi. Ha tradotto Opere complete di Eugenio Montale e Aminta di Torquato Tasso. Ha vissuto a lungo all’estero e molti dei suoi libri sono stati tradotti in tedesco, inglese, francese, portoghese e italiano.

Elisa Díaz Castelo (Città del Messico)

Ha vinto il Premio Bellas Artes dd Poesia Aguascalientes 2020 per El reino de lo no lineal, il Premio Nazionale di Poesia Alonso Vidal 2017 per Principia e il Premio Bellas Artes di Traduzione Letteraria 2019 per Cielo nocturno con heridas de fuego di Ocean Vuong. Il suo ultimo libro, Proyecto Manhattan, è stato pubblicato nel 2021 da Ediciones Antílope. Principia è appena stato ripubblicato da Ediciones Elefanta.

Paula Abramo (Città del Messico)

Poetessa e traduttrice, è autrice della raccolta di poesie Fiat Lux (FETA, 2012). Ha tradotto più di mezzo centinaio di libri di poesia, narrativa, saggistica e letteratura infantile dal portoghese allo spagnolo tra cui Cuentos completos di Clarice Lispector (FCE 2020) e i racconti di Machado de Assis. Ha vinto il Premio Bellas Artes di Traduzione Letteraria Margarita Michelena ed è membro del Sistema Nazionale di Creatori d’Arte.